Blog

Home  /  app   /  GOOGLE ALLO : nel bene o nel male, purché se ne parli!

GOOGLE ALLO : nel bene o nel male, purché se ne parli!

Dopo Google+ e Hangouts , il gigante Google ritorna sul mercato lanciando la nuova app di messaggistica istantanea: Google Allo.
Di cosa si tratta?
Semplice! In competizione con WhatsApp, Telegram e Messenger, i creatori di Google Allo propongono un nuovo tipo di messaggistica intelligente per Android e iOS.
Oltre alla chat creativa arricchita con emoji, adesivi disegnati da artisti indipendenti e da studi di tutto il mondo, doodle e foto da scarabocchiare, saranno disponibili delle funzionalità davvero innovative: il Google Assistant, le sue “risposte intelligenti” e le chat fantasma.

Che cos’è il Google Assistant? Facile! Il tuo nuovo migliore amico con intelligenza artificiale!

Si tratta infatti di un assistente virtuale con cui è possibile chattare e porre domande di qualsiasi genere. L’attivazione è molto semplice: ti basterà aprire l’app, iniziare una nuova conversazione e scegliere dall’elenco dei contatti “Google Assistant”. Da quel momento, conversandoci, imparerà in breve tempo il tuo stile di scrittura e conversazione e sarà in grado di suggerire – oltre al ristorante migliore della zona – anche frasi ed emoticon ad hoc per le tue conversazioni. Momentaneamente è disponibile solo in lingua inglese, ma potrà comparire anche nelle chat di gruppo digitando “@google”.

Oltre a questa particolare novità, per quanto riguarda le chat, con Google Allo diventa sempre più facile gestirle a proprio piacimento: è possibile attivare la navigazione in incognito e le conversazioni saranno protette da un sistema crittografico end-to-end, impedendo l’accesso ai contenuti a qualsiasi persona esterna e si potrà controllare la durata dei messaggi grazie alla chat con scadenza.

Nonostante la presentazione positiva e il successo riscosso, Google Allo è stato sconsigliato dall’informatico statunitense Edward Snowden – ex tecnico della CIA – in quanto  tutto ciò che gli utenti scambieranno con i propri contatti rimarrà nella memoria di Google – a discapito della privacy –  e su richiesta sarà disponibile alla polizia…

…ma, in fondo, se non si ha nulla da nascondere non c’è limite allo svago!