Blog

Home  /  app   /  Social Media Marketing: la rivoluzione di Facebook Messenger

Social Media Marketing: la rivoluzione di Facebook Messenger

Il web senza Zuckerberg non sarebbe lo stesso ed il motivo è sotto gli occhi di tutti ogni giorno. Se con Facebook ha rivoluzionato il mondo dei social network coinvolgendo un terzo della popolazione mondiale, oggi è riuscito a conquistare anche la navigazione mobile, sviluppando ed acquistando diverse applicazioni.

Tra le numerose app per il mondo del lavoro offre Facebook at Work, Facebook: Gestore delle Pagine, creato per social media manager, e Gestione Inserzioni per l’advertisement. Vi sono poi una serie di app per personalizzare l’esperienza all’interno di Facebook: Stickered for Messenger e Origami Live. Infine non si può non citare F8, l’applicazione ufficiale del Facebook Developer Conference, evento annuale che si tiene a San Francisco. Proprio in occasione di questo incontro, ad aprile, verranno presentati i nuovi strumenti preannunciati da David Marcus, vice presidente del servizio di messaggistica di Facebook. Tra questi strumenti, a catturare la nostra attenzione, ma anche quella di brand ed editori, sarà l’opportunità di creare inserzioni direttamente all’interno di Messenger.

Perché Zuckerberg ha deciso di investire proprio su questa app? Perché fin da subito ne aveva compreso le potenzialità: “Messaging is one of the few things that people do more than social networking”. Ed, infatti, Messenger risulta essere la seconda app più scaricata negli USA, con più di 800 milioni di utenti.

Messenger

L’app non offre solo la possibilità di scrivere ad amici, colleghi, parenti, ovunque ed in qualsiasi momento, ma dispone anche di diverse features che la trasformano in uno strumento indispensabile. Con Messenger si possono effettuare pagamenti, prenotare un passaggio auto, contattare il servizio di costumer service “M” e condividere playlist Spotify. Inoltre, nasconde giochi al suo interno: se avete installato l’ultimo aggiornamento dell’app, provate a mandare ad un amico l’emoji con la palla da basket e cliccate sull’icona!

Con la prossima funzione per campagne Ads, numerosi inserzionisti potrebbero raggiungere un numero di utenti davvero alto, dando vita ad un nuovo rapporto con i propri clienti e cimentandosi in modi creativi alternativi di comunicazione. Senza tralasciare lo storico di informazioni che potrebbero avere a disposizione per ogni utente. Nascono certamente dubbi e discussioni sulla privacy e sul modo in cui si potranno gestire business e monetizzazione, argomenti di cui si tratterà nei giorni a seguire la conferenza annuale di Facebook. L’intenzione di Zuckerberg rimane concentrare in un’unica app possibilità di business, servizi e contenuti.

Se questa non è la rivoluzione di Facebook Messenger, come la chiamate?