Blog

Home  /  app   /  Trend topic: strategie per l’eCommerce del 2018
Trend topic - eCommerce

Trend topic: strategie per l’eCommerce del 2018

Il trend topic del Lunapost di oggi riguarda le strategie per vendere online. Fra B2B, sistemi di pagamento, localizzazione e social network, cosa non può mancare a un eCommerce nel 2018?
Ecco qualche consiglio per chi lavora in questo campo!

Trend topic – eCommerce: B2B

L’eCommerce B2C (“Business to Consumer”, da impresa a consumatore) nel 2017 ha generato 2.300 miliardi di dollari. Quello B2B (“Business to Business”, da azienda ad azienda) circa 7.700 miliardi di dollari – quasi tre volte tanto.

Molti degli spunti emersi dalle analisi sugli eCommerce nel B2B sono analogamente calzanti nel B2C. Chat e voce si consacrano a strumenti di customer care preferiti dai clienti, mentre il pricing dinamico è uno dei fattori che impatta di più sulle vendite.
Inoltre, il 98% degli acquirenti esegue ricerche online prima di concludere l’acquisto di un prodotto. Ecco perchéche diventano di fondamentale importanza elementi come la SEO, le schede informative nella lingua corretta, le demo del prodotto e così via.

Trend topic – eCommerce: localizzare

Vendere all’estero diventa nel 2018 un aspetto fondamentale delle strategie di eCommerce – specialmente per prodotti specifici. Chi tratta prodotti d’artigianato, o per cui la provenienza geografica è un fattore rilevante, non può esimersi da queste considerazioni.
Le attività di eCommerce di successo spesso vendono pochissimo in patria, ma compensano con i risultati provenienti dall’estero.

Secondo le statistiche, il 75% degli utenti non comprerebbe mai su un sito di lingua diversa dalla propria. Ma ciò non significa semplicemente “tradurre”, bensì localizzare.
Localizzare un eCommerce significa saper fornire al cliente un’esperienza d’acquisto completamente allineata alla sua lingua e alla sua cultura. Dalle strategie di SEO ai sistemi di pagamento – passando per la proprietà di linguaggio, il livello semantico, il servizio e-mail e il customer care.

Trend topic – eCommerce: sistemi di pagamento

Il 60% degli utenti afferma di non concludere un acquisto se il suo sistema di pagamento preferito non è supportato dall’eCommerce.
La questione si collega al tema della localizzazione appena trattato. Per vendere all’estero non si può sorvolare su questo fattore.

Negli USA i primi due sistemi di pagamento sono carte di credito e digital wallet (Paypal, Apple Pay e similari); per Europa dell’Est e India, il metodo preferito rimane il pagamento alla consegna. Per vendere in Cina non si può rimanere competitivi senza integrare Alipay, usato nell’86% delle transazioni.
È necessaria un’analisi approfondita delle abitudini e della cultura della nazione dove si vuole vendere, per semplificare al massimo l’esperienza di pagamento.

Trend topic – eCommerce: social shopping

Gli ultimi aggiornamenti di Facebook, Instagram e Pinterest hanno reso i social network canali fondamentali per la vendita online. L’obiettivo: permettere all’utente di vivere l’esperienza d’acquisto, senza abbandonare la piattaforma (e passare ad altra app).
In alcuni settori (moda, design e food per primi – i più coinvolti “visivamente”) sono diventati fonte di traffico e fatturato incredibile.

Ciò come va ad impattare su chi ha un eCommerce? Non solo a livello d’immagine (si rende necessario un alto standard qualitativo di materiale foto e video), ma rende necessaria una strategia omnicanale.
Un recente articolo del Corriere Comunicazioni mette in risalto il fatto che le aziende italiane che hanno venduto su Amazon hanno generato 350 milioni di fatturato solo nel 2017, creando oltre 10.000 posti di lavoro.
Il vero cardine è offrire all’utente quanti più punti d’incontro possibili con i propri prodotti. Sulla base del dispositivo usato, e delle proprie preferenze ed abitudini, ognuno dovrebbe potervi accedere dove, come e quando preferisce.

Questi i principali spunti di riflessione sulle novità in campo eCommerce. In un campo tanto competitivo, è importante non perdere di vista i competitor (non solo i principali, né quelli diretti) per rimanere costantemente “al passo coi tempi”, e soprattutto evitare quanto più possibile di rimanere “statici”.
L’errore più grande è quello di non fare nulla.

Per rimanere aggiornato sul mondo del digital, continua a leggerci su Lunapost!